« Nuovo blog Microsoft su RSS | Principale | Num Sum:fogli di calcolo via web »

30 giugno 2005

Commenti

Faber

Senza nulla togliere a DVD John, direi che non si può assolutamente parlare di Google Video "Bucato", visto che John aveva a disposizione i sorgenti e gli è bastato commentare qualche riga per togliere la restrizione imposta dallo staff di Google.

Inchiostro Simpatico

Non sono d'accordo con te. Metto sullo stesso piano closed source con open source.

Google ha creato un plug-in per far vedere solo video ospitati sul suo server.

DVD Jon ha modificato il codice, non per migliorarlo tecnicamente ma per liberarlo da una restrizione.

Abbiamo due punti di vista diversi, tutti e due rispettabili.

Grazie del commento

Faber

Questo cosa significa, che se tolgo una "restrizione" da un qualunque software open source posso dire di averlo "bucato"?

Mi sembra un'accezione del termine un po' stiracchiata...

Voglio dire, non è un hack notevole, e la versione "originale" rilasciata da Google continua ad avere quella restrizione; non è come quando viene trovata una falla di sicurezza - che so, in Apache - per cui facendo una certa cosa in certe condizioni si riesce ad accedere ad una shell e quindi si è "bucato" il servizio. Qui il servizio continua ad essere quello che è...

A quanto vedo dai sorgenti sembra un crack, sovrascrive la parte di codice interessata in una DLL in modo che non venga eseguita.

Forse divergiamo sono nel significato di "bucare un software": secondo te un crack "buca" il software su cui agisce?

Secondo me no (ma si era capito :) )

Inchiostro Simpatico

Si abbiamo due concetti diversi della parola bucare. Poco male, l'importante è confrontarsi e discutere. Sicuramente le nostre rispettive conoscenze si sono arricchite.

luciana

perche' non parlare della capacita' di bucare il video, diventando protagonisti?
so che esiste un corso che insegna a parlare davanti a una telecamera.....

I commenti per questa nota sono chiusi.

Ultime news da "Monty"

    follow me on Twitter