« Wetpaint il wiki sulla strada giusta | Principale | Un video da guardare per capire Google Drive »

07 marzo 2006

Commenti

Antonio

La logica che ci sta dietro è che il browser dovrebbe essere considerato 'area protetta': chi ha accesso al programma assume la nostra identità per tutti i servizi con cui ci siamo autenticati. Questa è la ragione per cui in un sistema condiviso tra più persone bisognerebbe usare sempre account di macchina differenti oppure profili di Firefox differenti. E in una situazione in cui non ci sentiamo di avere queste garanzie dovremmo avere cura di deloggarci a fine sessione da tutti i siti visitati e di non salvare mai le password nel portachiavi virtuale.

ciao

Marco Cavicchioli

impostando una password principale all'accesso delle informazioni riservate di FF (strumenti>opzioni>privacy>password>password principale) per poter visualizzare le password bisogna aver inserito la pasword generale...

Marco Montemagno

Intendi una password master Marco?
Però sei punto a capo anche quella da qualche parte sta.
M

Marco Cavicchioli

la password master (interna a FF) però non la leggi. se non la conosci non hai accesso ai dati, e quindi non puoi leggerla. mi pare una buona protezione, anche se non "totale".

Gianni Amato

@Antonio : sono concordo con te sul fatto di utilizzare account macchina differenti, è l'unica soluzione. Non sono daccordo invece all'idea di utilizzare profili Fifrefox differenti, come sostiene anche Marco C., poichè è possibile recuperare tutte le password trasferendo il file "signons" nel proprio profilo.

igor

A proposito di Firefox: qualcuno mi sa dire come mai quando aggiungo un link già presente nei preferiti non mi segnala l'errore?
Grazie

I commenti per questa nota sono chiusi.

Ultime news da "Monty"

    follow me on Twitter