« Che cos'è Web 2.0? La parola ai protagonisti | Principale | Maria Sansone, la regina dei video pazzeschi »

10 agosto 2006

Commenti

donMo

mah, io con technorati ho un vecchio conto aperto: la ignoro e lei mi ignora

Luca Conti

A mio avviso Technorati va in palla con Blogosfere perché ogni tanto conta tutti i link dei sottodomini e poi torna al valore normale.

Un bug ovviamente. Ogni strumento andrebbe preso "cum granum sali", ovvero con po' di spirito critico.

Technorati (e tanto più Alexa) non è la verità rivelata. E' uno strumento utile a far discutere. Punto.

Io lo prendo così. Chi lo prende in altri modi, a mio avviso sbaglia, per le ragioni che dici tu.

Se poi vogliamo estendere il tema, che affidabilità hanno AudiPress e AudiRadio che si basano su interviste in cui ti dicono se negli ultimi giorni hai letto/ascoltato un giornale o una radio semplicemente facendoti vedere il logo della testate?

Lo sanno tutti che certe campagne stampa di radio e di giornali minori avvengono in prossimità di queste interviste? Eppure sulla base di queste rilevazioni si investono milioni di pubblicità.

Noi blogger siamo almeno più critici :)

Ernesto Siciliano

Marco, credo che in questa pagina-http://www.proveditrasmissione.net/archivi/266 - c’è la risposta alla tua domanda (retorica), se Techorati è scalabile.

Questo test dimostra come in un paio di ore si possa entrare nella top 100 manipolando i motori di ricerca.

L’ho scovato perché, dopo sei mesi di attività bloggeristica, ho voluto indagare sui per me misteriosi motivi per cui nel primo trimestre di vita il mio blog era arrivato -addirittura!- intorno alla 120esima posizione, gonfiando a dismisura il mio ego (esagero:)) e invece nel secondo trimestre, pur raddoppiando i contatti, oscilla nel limbo tra 300 e 350.

Alcune rapide letture hanno schiarito la mia ingenua ignoranza: ho così imparato che la classifica dipende molto dai link reciproci tra blogger, etc.

A questo punto ti e vi chiedo: visto che i link sono manipolabili, che i commenti non sono indicatori validi perché uno può scriverseli anche da solo, perché non adottare un parametro univoco e affidabile: una classifica basata sui contatti unici?

Il sistema dei link potrebbe rimanere come stima: se alcune blogger trovano vantaggioso usarlo per incrementare la loro attività di informatici o scrittori, traducendo un’autorevolezza guadagnata magari con qualche piccolo inganno in un lavoro in cui spendono comunque la loro professionalità, non ci vedo nulla di male.

Se un blogger riesce a scrivere un libro di informatica o a tenere un corso perché si è guadagnato la reputazione di blogstar con un po’ di trucco, non ha comunque raggiunto un traguardo, ma ha solo guadagnato un posto ai blocchi di partenza: il libro dovrà pur venderlo, e nel corso dovrà pur dimostrare di avere competenza!

Ma perché non offrire anche una classifica unica basata sull’unico dato certo, spiegando a chi accede a questi risultati che gli altri sistemi di misurazione sono più..discrezionali?

Se non ho capito male i due sistemi sono in qualche misura interdipendenti, perché i contatti crescono anche perché un blog è molto linkato: ma non lo sono del tutto, perché la mia esperienza dimostra che si può retrocedere su Thecnorati anche se aumentano i contatti..

Le mie sono considerazioni da neofita che ha letto rapidamente qualche notizia sul funzionamento della faccenda, e che prima era totalmente a digiuno: lo preciso perchè forse ho detto qualcosa di sbagliato. Ma vorrei capire: non si può cmq creare una classifica su dati certi e svalutare quella su dati alterabili?

Inchiostro Simpatico

Ogni sistema di monitoraggio è migliorabile e NON DA la situazione reale.

- Auditel è talmente obsoleto che ormai non viene sostituito solo perchè le aziende pubblicitarie pagano sulle basi dei dati, falsi, che esso fornisce

- Stesso discorso di AudiPress ed Audiradio dove vengono gestiti da dirigenti che hanno palesi "conflitti d'interesse" (siamo in Italia) con talune radio

- Digg è stato più volte craccato, quindi molte news popolari non erano tali

A mio avviso l'unico sistema che possa dare una certa idea, istante per istante, sulla popolarità dei blog è un sistema P2P che monitorizzi il traffico.

Parto dal concetto che popolare vuol dire più visitato ma non certo più autorevole.

L'autorevolezza la danno i lettori, la vivacità di dibattito nei temi trattati, arrivare primi sulla notizia, intervistare i personaggi che contano nei rispettivi settori, innovare il proprio format/prodotto.

Questo discorso diventa importante perchè dietro a false popolarità girano poi tanti euro di pubblicità.

Alex Prove tecniche di trasmissione

un sistema più affidabile di technorati è performancing

marco cavicchioli

perfomancing?

I commenti per questa nota sono chiusi.

Ultime news da "Monty"

    follow me on Twitter